Emergenza Coronavirus: bollettino del 22 maggio 2020 - riaperta la passeggiata lungo il lago grande

avvisi

immagine

La situazione sanitaria, prosegue la distribuzione delle mascherine. Nuove regole per pubblici esercizi e dehors, riaprono il lungolago e il Castello. Bonus mobilità anche ad Avigliana

 A oggi ad Avigliana ci sono 16 casi positivi al Covid-19, 6 decessi e 31 guariti. Si registra la dimissione di tutti gli ospedalizzati, rimangono una ventina gli isolamenti fiduciari

 

Pubblici esercizi e dehors

Dopo oltre 2 mesi di lockdown, dal 23 maggio riaprono i pubblici esercizi (fra cui bar, ristoranti,) secondo le linee guida approvate dal Governo in accordo con Conferenza delle Regioni. Tutti i dettagli qui

 

Prosegue la distribuzione delle mascherine della Regione Piemonte

Come già illustrato nei precedenti bollettini, la distribuzione delle mascherine nella nostra città è condizionata dai tempi di fornitura della Regione Piemonte, che ne ha predisposto l'acquisto per tutta la popolazione. Dopo una prima tranche di circa 2500, già distribuita nelle Borgate, ne è stata consegnata una seconda di ulteriori 5200. La prossima settimana saranno distribuite nelle prime zone del centro cittadino secondo il calendario allegato. Inoltre, per facilitare la consegna ed evitare assembramenti, abbiamo coinvolto direttamente gli amministratori di stabili del territorio perché, se disponibili alla collaborazione, potranno ritirarle su appuntamento e distribuirle direttamente ai loro condomini. Ovviamente chi le riceverà per questo tramite, sarà esonerato dal ritiro presso i punti di distribuzione. Ricordiamo che sarà fornita una mascherina per cittadino residente, nato fino al 2015. Il ritiro deve avvenire da parte un solo componente del nucleo familiare. Al fine di evitare gli assembramenti sarà possibile compilare una delega, per l'intero nucleo famigliare, un vicino o un parente. Qui il calendario della distribuzione.

 

Riaprono il Castello e il lungolago
Si allentano progressivamente le restrizioni sulle aree precedentemente interdette con ordinanza sindacale. Tornano quindi pienamente accessibili, seppure con le misure di sicurezza previste dall'ultimo Dpcm, l'area del Castello e quella di San Rocco. Sarà inoltre riaperta la passeggiata lungolago, accessibile soltanto indossando la mascherina. Polizia municipale, volontari e Guardiaparco effettueranno opportuni controlli per sensibilizzare la cittadinanza al rispetto delle misure di sicurezza. Resta attualmente ancora interdetta l'area della palestra di roccia a causa dell'intervenuta caduta di un masso. In merito ai parchi giochi purtroppo le condizioni alle quali è sottoposta la riapertura sono così gravose che diventa molto difficile poterla garantire per leAmministrazioni locali. Occorrono dunque urgenti chiarimenti in merito alla necessità di sanificazione delle aree verdi adibite ad area giochi per bambini. Non è chiaro chi lo debba fare, quali siano le modalità, le responsabilità individuali e di conseguenza i costi, oltre ai controlli del rispetto delle misure di sicurezza. Riconoscendo l'importanza di questi luoghi aggregativi per tutti i bambini per passare tempo all'aria aperta, svagarsi e divertirsi dopo il periodo di lockdown, Avigliana condivide dunque l'appello di Uncem rivolto al Ministero dell'Interno e al Ministro della Famiglia chiedendo ulteriori delucidazioni. «Per quanto comprendiamo infatti - spiega il sindaco di Avigliana Andrea Archinà - sia fondamentale, specie per i bambini, riprendere le attività all'aperto anche per favorire la normale socializzazione, attendiamo speranzosi una diversa linea operativa. Non appena possibile ne daremo comunicazione ufficiale attraverso i nostri consueti canali informativi. Nell'attesa, seguendo l'esempio di altri Comuni del circondario, siamo dunque stati costretti a emettere ordinanza di interdizione, attraverso l'apposita segnaletica di divieto di accesso». A parziale mitigazione di questa misura restano aperte altre aree verdi, tra le quali il giardinetto tra corso Laghi e le "Case Gialle", via Oronte Nota, il prato di fronte al Dinamitificio, i Giardini Carlo Grieco di via Tresserve, il Giardino Borgo Paglierino e il Giardino delle Donne.

 

Bonus mobilità

In un primo momento il bonus mobilità inserito nel Decreto Rilancio sembrava destinato soltanto alle città con almeno 50mila abitanti. Il decreto coinvolge invece anche le Città metropolitane e riguarda quindi i Comuni che ne fanno parte. Da oggi i cittadini aviglianesi potranno quindi usufruire del bonus mobilità, cioè di un contributo pari al 60 per cento della spesa sostenuta (massimo 500 euro) per l'acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita e veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (per esempio monopattini, hoverboard e Segway). Nel bonus è incluso anche l'utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale. Tutti i dettagli sul sito del Ministero dell'Ambiente e sul sito della Città Metropolitana

 

Maggiori informazioni: www.comune.avigliana.to.it o www.avigliananotizie.it

Potrebbe interessarti anche...